La Porta del Tempio


Se dalla Porticina vuoi passare,
il tuo abitino dovrai abbandonare e molto piccola dovrai diventare...



 

Viandanti online

Ci sono 134 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 

La Via Femminile




Fra queste pagine sono raccolti consigli, ricette, riti semplici e naturali dedicati al femminile, e speciali ricerche e racconti sull'antica Via delle Donne.

 

I Meli di Avalon




Gruppo di studio dedicato alla Tradizione Avaloniana e a Miti, Leggende, e Fiabe Celtici legati alla simbologia di Avalon.

 

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

 

Messaggi Privati

Solo per gli utenti registrati!
 

Il Libro del Mese




Hedera
di Nicolò Targhetta, Ernesto Anderle, Eugenio Belgrado e Irene Bruno

 

Cerca nel Tempio


 

Il Tempio della Ninfa

Dentro il Calderone...
Giovedì, 15 Ottobre 2015 - 06:25 - 10735 Letture
Avalon I Misteri del Calderone e il Sacro Femminino

La nebbia sorge leggera dal suolo umido, coperto da un tappeto di foglie scarlatte. Sale vaporosa a velare gli alberi spogli e avvolge i nostri passi. La voce del bosco è silenziosa e il confine fra i mondi è tanto labile da poter posare lo sguardo oltre il visibile, oltre tutto ciò che conosciamo.
Il tempo del passaggio oltre le nebbie è vicino e siamo chiamate a guardare dentro il calderone.
Siamo chiamate ad immergerci nel calderone e ad abbandonarci al suo potere rigenerante.



Scendiamo e ancora scendiamo nel cuore del calderone, nel buio rischiarato dalla fiamma ardente. Permettiamo a noi stesse di abbandonarci al suo calore trasformativo, e lentamente rimembriamo la sua antica funzione.
Cosa rappresenta simbolicamente il calderone e cosa avviene se ci inoltriamo al suo interno?
Ma soprattutto, che legame profondo esiste fra il calderone e il sacro femminino?

Il calderone, dal latino caldaria o caldero, ovvero ciò “che scalda”, o ciò che “mantiene il caldo al suo interno”, è uno strumento antico in cui si sviluppa e si diffonde il calore che permette la cottura, e che porta alla profonda trasformazione di tutto ciò che vi viene immerso. Per far sì che il calore si attivi e si mantenga costante, occorre accendere e alimentare con cura il fuoco, per questo il calderone è indissolubilmente legato al fuoco, l’elemento naturale che ne attiva il potere trasformativo.
Dalla cottura avviene anche la lenta distillazione, che lascia evaporare tutto ciò che è superfluo e riduce la materia alla sua essenza, ovvero alla sostanza originaria.

Sin dai tempi più remoti, il calderone era uno strumento strettamente associato al mondo femminile, e solo le donne, dedite ad usarlo quotidianamente, ne conoscevano i più reconditi segreti.
Nella Tradizione Avaloniana che si basa sulla mitologia gallese, coloro che insegnano i poteri del calderone sono donne divine, e il calderone è il centro della sacra sorellanza.
Nove vergini disposte in cerchio lo mantengono tiepido col calore del loro respiro.
La sapiente Ceridwen mescola e rimescola, cuoce e trasforma, e insegna la paziente arte della distillazione, che disperde il veleno di ciò che è dannoso o non necessario, per poter accedere all’anima essenziale, che contiene in sé la luce della conoscenza.
Infine, Branwen dalle bianche piume, veglia sul passaggio dalla morte alla vita, e libera l’essenza “volatile” rendendola bianca e leggera.
Ognuna di queste dée incarna il calderone e trasmette l’esperienza del suo mistero – la trasformazione che, attraverso il mantenimento costante del calore, distilla la materia e rende pura e chiara l’anima, permettendole di elevarsi nel reame spirituale – suggerendo che essa non potrà mai essere vissuta esternamente, ma solo nella propria interiorità.
Perché il calderone è dentro, nel centro più profondo di noi stesse.

A lungo le donne si dedicavano a cuocere, bollire e distillare, e a lungo vegliavano sulla tiepida magia del calderone, che allo stesso tempo agiva dentro loro stesse, giorno dopo giorno. Il calderone era legato al centro della casa, il caldo focolare sempre acceso, cuore del sacro femminino, ed era la fonte del nutrimento e quindi della vita, così come lo è la donna.
La sua forma rotonda, capiente e calda, ricorda lo splendido grembo femminile, ma anche i floridi glutei e la sacra yoni, e per estensione rappresenta il grembo divino della Grande Madre, sorgente di vita, luogo in cui l’essenza di luce si rigenera e si trasforma dopo la morte, per poi riemergere rinnovata per abbracciare la nuova vita.
Il grembo femminile è dunque l’espressione più naturale e potente del calderone incarnato, che secondo alcune leggende doveva essere fatto di materia purissima, e al cui interno ardeva un fuoco perpetuo. Per questo, più il calderone era grande e capace, ovvero “atto a contenere”, a comprendere e a raccogliere il più possibile i divini influssi femminili che la Madre antica donava alle sue figlie, più esso era considerato bello, buono e sacro.
Ogni donna è portatrice del sacro calderone, e la sua bellezza è sempre unica, ma appartiene a tutte. Ogni donna, unita in cerchio alle sue sorelle, è un santuario di trasformazione e rigenerazione, e la danza delle donne riunite è la danza morbida e rotonda dell’antico calderone.

Scendendo nel centro del calderone, nel suo interno protetto e sicuro, ci immergiamo dunque nel centro di noi stesse, torniamo al grembo divino e ci abbandoniamo completamente alla magia rigenerante del sacro femminino, rientrando, ogni volta di più, nella materna e riposante oscurità delle origini, nel tempo della nostra gestazione, per formarci e ri-crearci attingendo dalla nostra verità profonda.
Dentro il calderone ci affidiamo alla trasformazione e lentamente ci lasciamo distillare, disperdendo nei vapori ciò che non serve e che spesso ci avvelena, e ritrovando la nostra stessa essenza. Quell’unica goccia luminosa in cui è racchiuso tutto l’universo.
Inoltrarsi nel mistero del calderone può essere difficile o semplice, può richiedere molto tempo o solo un brevissimo istante, ma quando si supera la paura di ciò che è ignoto e si oltrepassa la soglia si scopre che il calderone, riflesso del grembo della terra, è un luogo di tepore e amore in cui non vi è nulla da temere, perché ogni ferita trova la sua guarigione e ogni paura viene placata.
La trasformazione del calderone, inoltre, non porterà mai a trovare, e dunque ad essere, qualcosa di diverso, di sconosciuto o di lontano da ciò che siamo veramente, perché la trasformazione del calderone è il ritorno all’origine. E dentro il calderone non solo ritroviamo la nostra verità, ma riceviamo anche il dono della memoria della Sorgente di tutte le cose, così da poter riaprire gli occhi nella luce della sua consapevolezza.

Il tempo del passaggio oltre le nebbie è giunto, e siamo chiamate a ri-membrare il potere del calderone.
Impariamo di nuovo ad essere calderoni viventi, sacri calderoni incarnati ricolmi di bellezza e voluttà. Impariamo ad ascoltare il nostro grembo e ad agire nel mondo attraverso la sua voce ispirata, il puro istinto della pancia.
Accudiamo il nostro fuoco interiore con il tepore del respiro come ci insegna a fare la sorellanza delle nove vergini.
Mescoliamo e rimescoliamo, scaldiamo e lasciamo evaporare le illusioni nebbiose del nostro ego, distillandoci fino all’ultima goccia, come ci mostra la sapiente Ceridwen.
E infine rendiamo bianca e leggera la nostra anima, il nostro vero Sé, imparando di nuovo a volare nel reame dello spirito, come Branwen, Colei che Libera, ci invita a fare.
Così facendo risveglieremo in noi il potere del calderone, ne ri-conosceremo i segreti, e come le nostre antenate, legate a noi dal sangue e dallo spirito, saremo ancora le custodi del suo mistero.

Guardiamo dentro il calderone, immergiamoci nel suo calore, e lasciamo che ci trasformi e ci rigeneri.
Così che la sua magia ci renda ciò che siamo nate per essere
.


***

Fonti

Davies Sioned, The Mabinogion, Oxford University Press, New York, 2007
Jones Gwyn e Thomas, The Mabinogion, Everyman Paperback Classics, 2004
Pianigiani Ottorino, Dizionario etimologico della Lingua Italiana
Preiddew Annwn, dal Llyfr Taliesin, traduzione inglese a cura di Sarah Highley
Telyndru Jhenah, Avalon Within: Inner Sovereignty and Personal Transformation Through the Avalonian Mysteries, The Ninth Wave, BookSurge Publishing, 2005

Immagine: Ceridwen, di Denise Garner


Brano scritto per la rivista The Tor Stone, curata dalla Sisterhood of Avalon.
Testo di Laura (Violet) R. Vietata la riproduzione anche parziale senza il permesso dell'autrice e senza citare la fonte.


Dentro il Calderone... | Login/crea un profilo | 2 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.
Re: Dentro il Calderone... (Punti: 1)
da Danae 07 Nov 2015 - 17:57
(Info utente | Invia il messaggio) http://)
Finalmente mi sono dedicata questo tempo di lettura e... sono intimamente commossa... mi ha toccata dentro.
Non credevo di arrivare così in fondo... <3

Re: Dentro il Calderone... (Punti: 1)
da fairymoon 15 Dic 2015 - 11:21
(Info utente | Invia il messaggio) http://ladimoradellasignoradelbosco.blogspot.com/)
Un articolo meraviglioso, Violetta, che ci porta all'interno di noi stesse, del Calderone, del mito, del quotidiano, di Avalon. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno in questi tempi aridi e proiettati unicamente all'esterno di se stessi. :-*



© Il Tempio della Ninfa 2006/2021
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autrice e senza citarne la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.

Questo sito è stato creato con MaxDev e utilizza MD-Pro 1.0.76
Il sito web e il tema grafico sono stati creati da Laura Violet Rimola. Le immagini appartengono ad Alan Lee.

Powered by MD-Pro