La Porta del Tempio


Se dalla Porticina vuoi passare,
il tuo abitino dovrai abbandonare e molto piccola dovrai diventare...



 

Viandanti online

Ci sono 125 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 

La Via Femminile




Fra queste pagine sono raccolti consigli, ricette, riti semplici e naturali dedicati al femminile, e speciali ricerche e racconti sull'antica Via delle Donne.

 

I Meli di Avalon




Gruppo di studio dedicato alla Tradizione Avaloniana e a Miti, Leggende, e Fiabe Celtici legati alla simbologia di Avalon.

 

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

 

Messaggi Privati

Solo per gli utenti registrati!
 

Il Libro del Mese




Hedera
di Nicolò Targhetta, Ernesto Anderle, Eugenio Belgrado e Irene Bruno

 

Cerca nel Tempio


 

Il Tempio della Ninfa

Il nuovo Tempo
Sabato, 18 Maggio 2013 - 03:38 - 6818 Letture
Voci Antiche Fino a quel giorno avevamo vissuto in pace. Noi donne, sorelle di sangue e di spirito.
E avevano vissuto in pace i nostri uomini, legati a noi da vincoli di parentela e di amore, eppure liberi, così come libere eravamo noi, che mantenevamo l’armonia e l’equilibrio nei nostri clan.

Fino a quel giorno, ogni ora, ogni momento, ogni ciclo stagionale, erano trascorsi nella gioia e nella condivisione. I nostri uomini passavano molto tempo in mare, nelle lunghe imbarcazioni a forma di mezzaluna. Pescavano per noi, e noi coltivavamo la madre terra con i semi che Lei ci aveva donato all’inizio dei tempi, quando in forma di Donna Antica era giunta dalle acque salmastre con le mani colme di piccoli granelli scuri.

Figlie mie, donate alla Terra questa sacra semenza, dissetatela con la sacra acqua e lasciate che il sacro Sole la scaldi, e che la sacra Luna, vostra Madre e Sorella, regoli il suo germogliare.
Da questi sacri grani verrà il vostro nutrimento
.”

Così, avevamo fatto ciò che la Donna Antica aveva detto, e in pochi cicli lunari le foglie verdi si erano innalzate dalla terra, e frutti, verdura, grano ed erbe mediche erano maturate al Sole e alla Luna.
Fino a quel giorno avevamo svolto i nostri rituali segreti nelle capanne di terra e acqua. Avevamo acceso i fuochi, danzato nude sotto la luna, ci eravamo bagnate nel mare, recandogli Doni per ciò che lui donava a noi. Avevamo celebrato il sangue e la nascita, l’amore e la morte.
Avevamo cantato per la Luna, osservato il cammino delle stelle. Avevamo misurato il tempo e innalzato pietre, avevamo cotto il pane e preparato sacchetti di medicina.
Avevamo amato i nostri uomini, che ci amavano e ci accarezzavano la pelle con baci e fiori.
Avevamo amato i nostri figli che come fiori erano sbocciati dal nostro grembo fecondo, pieno come la Luna, nostra Madre e Sorella.
Fino a quel giorno avevamo gioito. Gioito pienamente della Vita.

E poi giunsero loro.
Le Anziane lo avevano predetto. Un’ombra scura aveva attraversato il loro sguardo, la loro fronte si era corrugata e il loro cuore aveva tremato. Leggendo nel fumo e nelle braci, le Anziane avevano capito che il mondo sarebbe cambiato, e che il Tempo era giunto.
Quel giorno li vedemmo apparire sulla linea luminosa che divide l’oceano dal cielo. Cupi e neri come demoni terribili, spegnevano con il loro avvicinarsi la luce che fino ad allora aveva vegliato sulle nostre fronti scurite dal Sole.
Parevano lontani, eppure per quanto tempo ci misero a raggiungere la riva, a noi non sembrò che un istante.
Ormeggiarono quelle navi grandi e spaventose e si buttarono sulle sacre spiagge, urlando e ridendo in un modo che ci sembrò subito diverso dal modo di urlare e ridere che avevamo noi. Non c’era luce nelle loro risa, ma solo foga e volgarità. Non c’era grazia selvaggia nelle loro urla, ma solo orrore e ferocia.

I primi giorni che trascorsero sull’Isola rimasero vicini alle loro imbarcazioni, e qualcuna di noi, spinta da una vana, quanto bramosa, speranza, disse che non ne avremmo avuto male, che presto sarebbero ripartiti e che tutto sarebbe tornato alla normalità. Che, forse, le Anziane avevano sbagliato.
Ma nemmeno loro credevano alle proprie parole. Le Anziane non sbagliavano mai.

Così il Tempo giunse. E noi conoscemmo ciò che non avevamo mai conosciuto.
La nostra terra cominciò ad essere sfruttata, i nostri corpi di Donne belle e sacre vennero profanati, i nostri uomini vennero costretti a lavorare nelle miniere o nelle piantagioni dei loro padroni. Loro, che non avevano mai saputo cosa fosse un padrone.
Si diffusero malattie delle quali non avevamo mai conosciuto l’esistenza, e per le quali non avevamo alcuna medicina. L’ombra viveva davanti al nostro sguardo, e i nostri occhi conobbero la rovina e la disperazione.
Peggio delle malattie che quegli uomini riversarono su di noi e sulla nostra sacra terra, vi era un sentimento oscuro e furente che cresceva nei nostri cuori, e che nessuna di noi aveva mai conosciuto. Un sentimento che ci scavava dentro e che non sapevamo come guarire.
Così alcune di noi parlarono alle Anziane e innalzarono preghiere alla Donna Antica per chiederle aiuto.

Anziane Madri, diteci, cos’è questa tenebra oscura che ci cresce dentro? Cosa ci divora nel cuore e ci rende cupe e accigliate?
Abbiamo udito gli invasori nominare l’odio. È forse questo il nome con cui viene chiamata la tenebra nel loro mondo di distruzione?
Eppure, come possiamo non nutrire la tenebra davanti ai loro sacrilegi?
Come possiamo non cedere alla sua oscurità quando penetrano i nostri corpi con furia e violenza?
Come possiamo non desiderarla quando penetrano i corpi delle nostre figlie e delle nostre madri,
quando distruggono i nostri altari e bruciano le nostre case?
Come possiamo non assecondarla quando rubano i nostri uomini e li portano a lavorare e morire nei buchi che loro hanno scavato nella sacra terra, per rubarle i suoi tesori?


Le Anziane stavano sedute in cerchio, nel silenzio. Era la prima volta che non ci sorridevano rassicuranti, donandoci con amore la risposta alle nostre domande.
Ci guardarono… ma rimasero in silenzio.



***

Il fuoco crepitava, caldo e luminoso, e le scintille salivano verso il cielo punteggiato di stelle, portando alla Donna Antica la nostra preghiera.
Una delle Anziane sollevò lo sguardo dalle braci ardenti, e parlò.

Figlie mie, Resistete. Il Tempo del Cambiamento è giunto e il peso che dovete sopportare nel vostro spirito è grande e tenterà di schiacciarvi, sottraendovi l’Amore, l’Armonia e la Bellezza nelle quali siete state plasmate il giorno in cui la Donna Antica vi partorì dal suo grembo.
Resistete, Figlie, nel buio e nello smarrimento. Resistete.
Non lasciate che la malattia dell’invasore attanagli il vostro spirito, consumandovi e trascinandovi nella sua tenebra, perché così facendo gli darete vittoria.
Combattete invece, preservando tutto ciò che è sacro sin dall’inizio del Tempo.
Difendete voi stesse e i vostri figli. Difendete le vostre madri e i vostri uomini.
Difendete la vostra terra e i sacri principi che hanno regolato le vostre vite armoniose.
Difendete il vostro spirito dalla tenebra. Lei non vi appartiene, né mai vi apparterrà.
Non arrendetevi all’invasore. Non ascoltate la parola di chi vuole oscurare il vostro spirito luminoso. Non credete a chi giudicherà impuri i vostri sacri corpi, e vorrà insegnarvi il timore, la fede e il pentimento.
Voi sapete chi siete. Ricordate.

Riunitevi in Società segrete, dove potrete ritrovare la forza l’una nell’altra. Perché la vostra forza proviene dalla Donna Antica, e nessuna tenebra può scalfirla, né alcuna malattia può contaminarla.
Riunitevi, Figlie, così che ogni smarrimento svanisca alla luce della vostra unione. E ognuna di voi saprà che, anche nei momenti più terribili, non sarà mai sola.
Preservate la vostra sacra Tradizione e Ricordate la Donna Antica.
Ricordate chi siete, e nessuna ombra potrà possedervi.

Resistete e Ricordate.
E se tutto sarà perduto, Tessete di nuovo la vostra antica Tela.
Resistete e Ricordate
.”

***

L’Anziana tacque, mentre le ultime scintille si libravano dalle braci ardenti. Lei e le altre ci guardarono e ci sorrisero con un amore che non avevamo mai visto.
Il loro sguardo non era rassicurante, ma nei loro occhi c’era una luce nuova. Una luce che avevamo dimenticato. La luce della speranza.

Da quel giorno, noi Resistiamo. Ricordiamo e Resistiamo.
E anche nella tenebra più oscura, quando la nostra forza vacilla,
ricordiamo chi siamo.
E sappiamo che non siamo mai sole.


***


Nota:

Il testo è ispirato da “Le Figlie della Donna di Rame”, di Anne Cameron, e dalle ricerche di Heide Goettner-Abendroth, inerenti in particolare alle invasioni degli Europei nelle terre lontane dell’America e del Canada.
Ogni Donna dallo spirito antico è uguale a quelle terre, ovunque lei sia, ovunque sia nata o nascerà.
Noi tutte siamo terra devastata che attende la Guarigione, che solo dentro di noi possiamo ritrovare.


Fonti:

Le Figlie della Donna di Rame, Anne Cameron, Edizioni della Terra di Mezzo, Milano, 2000
Le società matriarcali, Heide Goettner-Abendroth, Venexia, Torino, 2013


Testo di Violet. Vietata la riproduzione anche parziale senza il permesso scritto dell'autrice e senza citare la fonte.


Il nuovo Tempo | Login/crea un profilo | 4 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.
Re: Il nuovo Tempo (Punti: 1)
da mausci 20 Mag 2013 - 17:36
(Info utente | Invia il messaggio) http://comemistermagoo.blogspot.com)
come altre volte mi è successo leggendo qui, mi escono fuori le lacrime..grazie Violet..ritrovarci, integrarci, ci riporterà radicate..con noi stesse, con la Terra, con tutte le Creature..integrarci perché siamo una persona intera, non scissa come vorrebbero fraci credere -anima o corpo, prostituta o sposa, vergine o megera-..siamo Una, siamo Una con noi stesse e tra di noi, e con la Madre e con ogni altra creatura che insieme a noi vive sulla Terra..ricordare per me è anche questo, ricordare che il mio corpo è la mia anima e la mia anima è il mio corpo..

Re: Il nuovo Tempo (Punti: 1)
da Danae 22 Mag 2013 - 12:24
(Info utente | Invia il messaggio) http://)
La risposta era in te Violetta, e anche in noi. Occorreva solo illuminarla con la nostra Luce, forse un po' oscurata da questi tempi di Cambiamento. E' un testo che ci riporta Il Ricordo delle Antenate, e la chiave per aprire la porticina segreta, il come Custodirla in noi stesse.
Ribadisco che ogni parola è pienamente Condivisa :))

Re: Il nuovo Tempo (Punti: 1)
da LaZiaArtemisia 01 Giu 2013 - 16:41
(Info utente | Invia il messaggio) http://laziaartemisia.blogspot.com/)
Ho amato tanto questo libro, e altrettanto amo questa tua visione e questa tua conclusione, Viola.
Anche se siamo lontane, in apparenza, siamo questo, siamo insieme, siamo qui. vicine e ci tocchiamo le mani.
Grazie
Zia Artemisia


Re: Il nuovo Tempo (Punti: 1)
da Iulianus 17 Set 2013 - 09:47
(Info utente | Invia il messaggio)
Bellissima Poesia, si potrebbe paradigmatica anche della fine della società gilaniche in Europa, travolte dalle invasioni dei popoli di Kurgan. Gli studi di Marija Gimbutas hanno dimostrato storicamente come nell'Europa antichissima siano esistite società basate sul culto della Dea, società che vivevano in pace ed in comunione con la Natura. Una speranza anche in questo nostro mondo attuale travolto dall'odio delle società monoteistiche e patriarcali.



© Il Tempio della Ninfa 2006/2021
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autrice e senza citarne la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.

Questo sito è stato creato con MaxDev e utilizza MD-Pro 1.0.76
Il sito web e il tema grafico sono stati creati da Laura Violet Rimola. Le immagini appartengono ad Alan Lee.

Powered by MD-Pro