La Porta del Tempio


Se dalla Porticina vuoi passare,
il tuo abito dovrai abbandonare e molto piccola dovrai diventare...



 

Viandanti online

Ci sono 125 visitatori e
1 utente on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 

La Via Femminile




Fra queste pagine sono raccolti consigli, ricette, riti semplici e naturali dedicati al femminile, e speciali ricerche e racconti sull'antica Via delle Donne.

 

I Meli di Avalon




Compendio nato dagli studi del cerchio I Meli di Avalon, dedicato alla Tradizione Avaloniana e a miti, leggende, e fiabe celtiche legate alla simbologia di Avalon.

 

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

 

Messaggi Privati

Solo per gli utenti registrati!
 

Il Libro del Mese




Per virtù d'erbe e d'incanti
di Erika Maderna

 

Cerca nel Tempio


 

Il Tempio della Ninfa

La leggenda della fata Melusina

Storie del castello di Lusignano

di Jean D'Arras
a cura di Vittorio Fincati

Il libro riprende figure magiche di epoca Medievale, le Fate Melusine. Questi esseri fatati, tipiche della cultura celtica, sono magiche creature acquatiche solitamente rappresentate con la coda di pesce o di serpente. A loro è legato un sortilegio: sposare un cavaliere che mai le deve vedere tramutate nella forma magica di donna serpente. Le fate però, sempre per lo stesso sortilegio, devono assumere la forma serpente una volta a settimana e mantenere queste sembianze per tutto il giorno. Rompere l’incantesimo porta alla disgrazia per il cavaliere e alla fuga delle creatura, destinata a restare serpente per l’eternità. L’Autore d’Arras narra così il mito della bellissima sposa del figlio del re dei Bretoni, il giovane Raimondino. Grazie alla magia della moglie, che ogni sabato si tramuta in serpente nascondendosi al marito, Raimondino diventa il valoroso principe di Lusignano e il matrimonio scorre felice rallegrato dall’arrivo di due bambini. Un sabato però il principe scopre la magia e durante il bagno vede la moglie che si trasforma in serpente. Il tabù è infranto e la vita dei due innamorati distrutta. Il dolore per la scoperta atroce, che lo priva anche della presenza di lei, è uno dei tratti più belli del romanzo. In esso l’Autore, in una prosa gradevole, fatta di cavalleria e di senso fiabesco, ha raccolto per primo la leggenda della donna-serpente, derivata dalle tradizioni popolari del Poitou (storica provincia francese), intorno alla casa dei Lusignano. Come spiega Vittorio Fincati nelle pagine di apertura dell'opera, l’Autore adatta la favola partendo da un manoscritto del XV secolo. L’aspetto esoterico, più che quello storico, ha suscitato curiosità su questo racconto che ha avuto successo straordinario in tutta Europa. Avere una fata fondatrice della dinastia è stato infatti tema ambito da molte famiglie nobili (tra queste Anjou, Plantageneti, Lussemburgo) e pochi anni dopo l’uscita del libro di Jean d’Arras, la famiglia Parthenay ha commissionato un racconto in versi ad opera di Coudrette. Di certo entrambi gli autori hanno cristianizzato il mito, che si può rintracciare anche in molte fiabe della tradizione europea.

Jean d’Arras (fine del XIV secolo) fu il bibliotecario del duca di Berry per il quale manoscrisse, nell’inverno del 1393, il presente racconto.


Aggiungi:  Martedì, 01 Febbraio 2022
Autore:  Violet
Punti:
Link relativo:  La leggenda della fata Melusina
Voti: 224

  

[ Torna al menu principale delle recensioni ]



© Il Tempio della Ninfa 2006/2024
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autrice e senza citarne la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.

Questo sito è stato creato con MaxDev e utilizza MD-Pro 1.0.76
Il sito web e il tema grafico sono stati creati da Laura Violet Rimola. Le immagini appartengono ad Alan Lee.

Powered by MD-Pro