La Porta del Tempio


Se dalla Porticina vuoi passare,
il tuo abitino dovrai abbandonare e molto piccola dovrai diventare...



 

Viandanti online

Ci sono 120 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 

La Via Femminile




Fra queste pagine sono raccolti consigli, ricette, riti semplici e naturali dedicati al femminile, e speciali ricerche e racconti sull'antica Via delle Donne.

 

I Meli di Avalon




Gruppo di studio dedicato alla Tradizione Avaloniana e a Miti, Leggende, e Fiabe Celtici legati alla simbologia di Avalon.

 

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

 

Messaggi Privati

Solo per gli utenti registrati!
 

Il Libro del Mese




Hedera
di Nicolò Targhetta, Ernesto Anderle, Eugenio Belgrado e Irene Bruno

 

Cerca nel Tempio


 

Il Tempio della Ninfa

La nascita della Ninfea
Venerdì, 25 Maggio 2018 - 18:17 - 3865 Letture
Racconti LA NASCITA DELLA NINFEA
Leggenda norvegese

C’era una volta una Ninfa bellissima che abitava nelle acque argentee di un lago. Un giorno s’innamorò di lei il bel giovane Raggio di Sole, che le si presentò nel suo abito d’oro splendente.
La Ninfa si sentì misera e oscurata da tanta luce e si vergognò del suo abitino di semplici perle. Perciò discese nel fondo del lago, dove erano nascosti molti tesori preziosi, si riempì le mani d’oro e fece per tornare in superficie per mostrare quella ricchezza a Raggio di Sole.

Ma presto si accorse che non riusciva a risalire verso l’alto, perché l’oro era tanto pesante che la trascinava giù, facendola sprofondare nel fondo melmoso. La Ninfa pianse, pregò la Fata del Lago di aiutarla, ma nessuno sentiva il suo richiamo angoscioso. Aprì le mani per tentare di liberarsi di quell’oro che era la sua rovina, ma ormai le si era attaccato alle palme e non voleva staccarsene più. Il fango la sommerse a poco a poco, e ben presto la Ninfa scomparve. Di lei rimasero soltanto le candide mani aperte piene d’oro.
Il povero Raggio di Sole cercò disperatamente la sua amata Ninfa, la cercò su tutta la superficie del lago, ma non riuscì a vedere che una foglia a forma di cuore, con dei fiori bianchi che avevano all’interno tanto oro.
Di giorno i loro petali si aprivano per offrire a Raggio di Sole i loro tesori, di notte si richiudevano per custodire l’oro fino al giorno seguente.
La Ninfa s’era trasformata in quei delicatissimi fiori, le ninfee.




Nota:

Secondo una variante molto simile, la ninfa del lago si innamora di un bellissimo principe, ma essendo vestita solo di semplici abiti boschivi, e ornata solo di fiori, di alghe e di umidi muschi, vuole tuffarsi nel fondo lacustre per recuperare i tesori che vi sono segretamente celati. Il peso dei gioielli però la trattiene dal risalire in superficie, e solo le candide manine cariche d’oro emergono dalle acque. La Fata del Lago ode il suo pianto e impietosita dalla sua triste sorte la trasforma nel fiore della ninfea, che ogni giorno si dischiude e offre il suo cuore d’oro al mondo.


Bibliografia

La leggenda è stata raccolta e liberamente tratta da Enciclopedia della Fiaba, Vol. II, Fiabe e leggende dell’Europa Orientale, a cura di Fernando Palazzi, Casa Editrice Giuseppe Principato, Milano – Messina, 1953, p. 258, ed è contenuta in Le Vergini Fiorite. Leggende e Racconti di Fiori e Fanciulle, di Laura Rimola, Pettirosso Edizioni, Novara, 2017.

Immagine: Shallows, di Charlie Bowater





La nascita della Ninfea | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.



© Il Tempio della Ninfa 2006/2021
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autrice e senza citarne la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.

Questo sito è stato creato con MaxDev e utilizza MD-Pro 1.0.76
Il sito web e il tema grafico sono stati creati da Laura Violet Rimola. Le immagini appartengono ad Alan Lee.

Powered by MD-Pro