La Porta del Tempio


Se dalla Porticina vuoi passare,
il tuo abitino dovrai abbandonare e molto piccola dovrai diventare...



 

Viandanti online

Ci sono 58 visitatori e
1 utente on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 

La Via Femminile




Fra queste pagine sono raccolti consigli, ricette, riti semplici e naturali dedicati al femminile, e speciali ricerche e racconti sull'antica Via delle Donne.

 

I Meli di Avalon




Gruppo di studio dedicato alla Tradizione Avaloniana e a Miti, Leggende, e Fiabe Celtici legati alla simbologia di Avalon.

 

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

 

Messaggi Privati

Solo per gli utenti registrati!
 

Il Libro del Mese




Per le vie dell'altro mondo
di Carlo Donà

 

Cerca nel Tempio


 

Il Tempio della Ninfa

Óengus Mac Óc
Martedì, 26 Gennaio 2010 - 03:13 - 8460 Letture
Celti Allegro e giocoso, nel fiore degli anni e sempre gioioso come un fanciullo innamorato, ma anche volitivo e deciso, così era immaginato Óengus mac Óc, il Dio celtico dell’Amore, della Bellezza e della Giovinezza. E come tutti gli Dei di Luce e d’Armonia era inestricabilmente legato alla Natura e ai magici mondi oltre quello fisico; infatti si dice che i suoi baci fossero gli uccelli del cielo, ed in particolare, che quattro meravigliosi volatili dal canto dolcissimo originatisi dal tocco delle sue labbra formassero il suo seguito, insieme ai folletti e ad altre spensierate e leggere Entità che condividevano la sua essenza. E forse i fortunati e le fortunate amanti del Dio potevano volare, trasportati dai suoi particolarissimi ed infinitamente dolci baci, nel meraviglioso mondo degli Dei, dove Óengus viveva.

La leggenda narra ch’egli fosse lo splendido figlio del Dagda, il “Buon Dio”, e di Bóann “Mucca bianca”, entrambi appartenenti ai Tuatha Dé Danann, gli antichi Dei che per un certo periodo di tempo regnarono nella verde isola d’Irlanda.
Bóann sembra essere lo spirito del fiume Boyne e le varie fonti ci suggeriscono storie diverse al suo riguardo. In una di queste, ella era la sposa di Nechtan, il custode della Fonte di Connla dove nuotava il Salmone della Conoscenza, reso tale per aver inghiottito le magiche nocciole che contenevano ogni sapienza. Tale luogo era il più ameno che si possa immaginare e le acque che lì scorrevano potevano essere bevute solo dagli Dei. Inoltre, solamente Nechtan e i suoi tre coppieri potevano avvicinarvisi e attingere quel prezioso liquido, ma un giorno Bóann, incurante del divieto, costeggiò la sponda della Fonte, cosicché l’acqua straripò e rincorse la donna fino a sfociare nel mare dove ella morì annegata, e così ebbe origine il fiume Boyne, che ancora oggi bagna le brughiere di Erinn. E fu dunque grazie a Bóann che l’acqua della Fonte della Sapienza arrivò nel mondo degli uomini, e magari qualcuno di loro, qualche poeta, qualche innamorato o qualche apparente folle, poté beneficiare di essa.

In un’altra versione Bóann era la moglie di Elchmar, il re del síd (1) di Brug na Bóinne “la dimora sul fiume Boyne” e di lei si invaghì il Dagda, il buon Padre degli Dei. Per tenere lontano Elchmar in modo da potersi congiungere alla sua sposa, il Dagda lo mandò in viaggio e fece in modo che il sole non tramontasse mai durante la loro unione, né nei nove mesi successivi, così quando Elchmar fece ritorno alla propria dimora dopo diverse lune, credette di essere stato lontano un solo giorno.
Simbolicamente si potrebbe leggere in questo particolare fatto l’allusione ad un tipo d’Amore solare che nasce e si accresce senza aver nulla a che fare con l’oscurità e la disarmonia; un Amore che irradia il mondo e tutto ciò che sta in esso donando luce e calore indistintamente ed incondizionatamente; un Amore lucente, saldo, che rallegra e vivifica ogni creatura, in analogia appunto con l’astro diurno.
Quando verso la fine del lungo giorno il frutto della loro unione venne alla luce, Bóann esclamo: “E’ giovane un figlio concepito all’alba e nato prima dell’imbrunire!” (2) e da tale esclamazione derivarono i nomi di Óengus: Óengus Oc “Óengus il giovane”, Mac Óc “il figlio giovane” e Mac ind Óc “figlio della giovinezza”.
A tutti questi significati, già meravigliosi di per se stessi se pensiamo ad un’energia, una Forza incrollabile che è alla base dell’eterna giovinezza interiore che rende perennemente bimbi giocosi, va ad unirsi il significato di Óengus: “Unica Scelta”. L’Amore, quello vero e inebriante, magico e selvaggio, privo di condizionamenti come vento fra gli alberi, sarebbe dunque l’“Unica Scelta”, poiché sarebbe anche la sola cosa in grado di rendere felici e liberi, pieni ed appagati. Non può esservi altra decisione se non quella di seguirlo e ritrovarlo nel modo che ad ognuno è più congeniale; tutto il resto non è scelta ma distrazione, infatuazione momentanea, compromesso, rinuncia, allontanamento dalla Gioia, che può durare un istante o vite intere. E si può anche pensare che una volta fatta tale scelta ad essa si debba sempre essere fedeli, come appunto ad un Amante.

Certo è comunque, che per i più sarebbe impossibile o per nulla facile decidere di compiere un tale passo, ovvero abbandonarsi ad un Amore privo di tutte quelle comode (e costrittive) norme logiche, morali e sociali che regolano più o meno tutte le situazioni che oggi si definiscono “amore”. Bisognerebbe forse essere in grado di amare senza attaccarsi o dipendere dall’oggetto amato, spogliandosi di personalismi, egoismi e compiacimenti; tendendo con tutte le proprie forze a ritrovare, soprattutto dentro di sé, quella dirompente energia rappresentata da Óengus, Eros, Freyr, Dioniso, Pan e da molti altri, ma invariata attraverso lo scorrere del tempo e i molteplici nomi che le sono attribuiti. Probabilmente sarebbe d’obbligo (e liberatorio) abbandonare ogni reticenza, ritegno, timore e lasciarsi riempire, travolgere e portare via, dissolvendosi e riconoscendosi in Amore. Prima però si dovrebbe essere talmente fortunati da riuscire a richiamare la sua dolcissima attenzione, e da sempre si sa che le cose che più attraggono sono l’avvenenza, la grazia, la gentilezza, l’armoniosità, tutte qualità che in questo caso dovrebbe essere animiche ed interiori piuttosto che esteriori.
Ed una volta resisi tali, magari in un lunghissimo arco di tempo, si potrebbe forse attirare Amore con dolci parole, con la malizia innocente di una giovane donna, con la giocosità e la sensualità tipicamente femminili, danzando per Lui ed invocandolo dentro con parole tenere e libere; preservando sempre da influssi negativi quelle parti del corpo che per analogia sono considerate il suo tempio più gradito, onorandole estirpando alla radice tutti quei condizionamenti, consci od inconsci, che da secoli ci sono stati imposti.
E se le Donne dovrebbero essere più predisposte a questo, essendo più naturalmente portate ad aprirsi ed accogliere, anche a livello fisico, sembra che in passato siano esistiti anche Uomini in grado di fare ciò, e si spera che, seppur pochi, esisteranno sempre dei degni figli d’Amore.

Per queste e per altre ragioni che di solito frenano negli uomini l’anelito a ricongiungersi al Divino, la simbolica leggenda che narra dell’innamoramento del Giovane Óengus giunge ad un lieto fine solo in seguito a varie traversie. Infatti, accadde in una notte di Samhain, quando i veli fra i mondi fluttuano sottili, che il Dio Giovane dormisse e facesse un sogno meraviglioso: immersa in un giardino dove tutto era contemporaneamente colorato e argentato come se emettesse una tenue luminescenza, stava una fanciulla splendida come nessun’altra, né mortale né divina. Non può essere descritta la bellezza di quell’apparizione onirica, se non paragonandola a quella di un prato primaverile costellato di fiori illuminati dal sole, mentre la brezza soffia gentile, le farfalle si posano sulle corolle dischiuse, e tutto sembra cantare un inno alla Natura. In poche parole, tutto in lei era perfetto e desiderabile. Mentre il Mac Óc contemplava rapito e pieno di reverenza quello spettacolo, la donna iniziò a suonare una piccola arpa d’oro, e la musica che produceva sembrava animare l’intero giardino e dargli la vita, e così anche il giovane Dio sentì che quella melodia svegliava il suo cuore e lo inebriava rendendolo felice. Poi la melodia diventò una nenia dolcissima che lo fece scivolare teneramente in un sonno senza sogni, ma pervaso da una vivida luce simile a quella dell’alba.
Quando Óengus si svegliò ricordò l’avvenenza straordinaria e la musica dolcissima, e si accorse di amare intensamente la misteriosa giovane apparsagli in sogno, anche se non sapeva nulla di lei, né le aveva parlato, e non sapeva quindi come fare a ritrovarla. Era talmente invaghito e perso nel ricordo del bel volto della fanciulla, che si dimenticò di mangiare, e così fece il giorno dopo e quello dopo ancora, cosicché cadde malato. Allora sua madre Bóann andò da lui e gli parlò, ed Óengus le rivelò il motivo della sua fiacchezza; così ella s’assunse l’impegno di trovare la bellissima donna del sogno, e per un anno intero attraversò in lungo e in largo tutta l’Irlanda, senza però riuscire a trovarla.
Venne dunque interpellato il Dagda, il quale, non potendo fare più di Bóann, si appellò a suo figlio Bov il rosso, Re dei síde del Munster, il quale promise di cercare per tutto un anno la fanciulla che aveva fatto innamorare così perdutamente il Giovane Dio.
Allo scadere del tempo stabilito egli tornò dal Dagda e da Óengus, e disse loro che aveva trovato la stupenda ragazza presso il Lago della Bocca del Drago insieme ad altre centocinquanta fanciulle legate a coppie da lucenti catenelle d’argento: essa aveva nome Cáer Ibormeith “Bacca di Tasso” e come le bacche del tasso le sua labbra erano rosse e morbide, e dal suo portamento si sprigionava la stessa maestà che impone reverenza e ammanta anche gli antichi tassi (3). Era la figlia di Ethal, il re di un síd del Connaught sul quale Bov non aveva potere, così consigliò al padre e al Mac Óc di recarsi alla corte di Aillil e Medb, i sovrani di quei luoghi, e di chiedere il loro aiuto. Questi, ben felici di fare un favore ai loro due importanti ospiti, chiesero la mano di Cáer Ibormeith al padre, il quale in un primo momento dichiarò di non volerla dare in sposa al figlio del Dagda, ma, messo alle strette dalle armate dei sovrani del Connaught e di Óengus, rivelò di non poter acconsentire poiché il potere della figlia era più grande del suo (4). Infatti, rivelò il padre, ella per un intero anno aveva forma umana, poi a Samhain si trasformava in cigno insieme alle sue centocinquanta ancelle, e con questo aspetto trascorreva dodici mesi, fino al giorno della fine dell’Estate, quando mutava nuovamente.
Appreso questo segreto, il giovane innamorato poté finalmente recarsi al Lago della Bocca del Drago. Giunto presso le sponde lambite dalle piccole onde gentili, scorse i magnifici volatili candidi nuotare placidamente nelle cristalline acque del lago, e fra loro vide un cigno di molto superiore per bellezza ed eleganza, così non gli ci volle che un istante per riconoscere in esso la sua amata Cáer Ibormeith. Allora, incantato dalla sua grazia di cigno non meno di quando l’aveva vista in forma umana, così le parlò:

“Oh dolce, meravigliosa Cáer Ibormeith,
frutto degli Dei, scarlatta bellezza d’Erinn,
tu che tutte le donne superi,
Delizia dei Giovani,
cuore dal canto meraviglioso!
Tu sei la Bellezza di ogni cosa
ed ogni Bellezza è parte di te.
Splendente Cáer Ibormeith,
inebriante miele dorato
Cigno dal candore che rapisce,
vorrai spiegare le tue ali
riempiendo di languore Óengus,
il Dio che ora ti parla, e ti chiede,
tenera Luce del bosco, di volare via con sé?”

La fanciulla, udite le dolci parole che le venivano rivolte, abbagliata dall’avvenenza divina di Óengus e subito innamorata, accettò di buon grado il suo invito; allora il Dio Giovane si trasformò in cigno anch’esso, la raggiunse nuotando veloce nelle fresche acque del lago e l’avvolse con le sue ali candide. Poi in questa forma i due innamorati spiccarono il volo e compirono tre volte il giro del lago, cantando in maniera così dolce e con tale rapimento la loro gioia, che portarono la pace del sonno su tutti quelli che li udirono. Infine, si diressero verso il Brug na Bóinne, dove da allora vivono eternamente innamorati e lieti.

Óengus compare anche in altri due racconti d’amore, Il corteggiamento d’Étaín e L’inseguimento di Diarmaid e Gráinne. Il primo ricorda la favola classica di Amore e Psiche, poiché parla dell’allontanamento di Étaín, una amante di Mídir (che è anche il padre adottivo di Óengus), e delle traversie che ella deve affrontare per volere di un’altra sposa del Dio. In questo caso il Mac Óc aiuta la fanciulla e favorisce il riavvicinamento dei due.
Per quanto riguarda invece L’inseguimento di Diarmaid e Gráinne, si tratta di un episodio ambientato al tempo dei Fianna, una compagnia di grandi guerrieri e cantori guidati dal valoroso Finn, al quale, ormai in età avanzata, era stata data in sposa la giovane Gráinne “Sole”, figlia del Gran Re d’Irlanda. Ella era una fanciulla bellissima e di nobile animo, adatta a diventare una Regina, ma la notte prima delle nozze, durante un grande banchetto a cui erano stati invitati tutti i più potenti uomini dell’Isola d’Erinn, ella vide fra gli altri Fianna il bellissimo Diarmaid, detto “dalla voglia d’amore”. Egli mostrava infatti una strana voglia sulla fronte, la quale gli era stata procurata da una misteriosa dama che altri non era se non la Giovinezza. Qualsiasi donna la scorgesse s’innamorava immediatamente di quello splendido uomo, che era anche uno dei figli adottivi che Óengus aveva ospitato nel suo palazzo quand’era fanciullo, ed al quale aveva donato una lancia fatata ed una spada che non mancavano mai il bersaglio.
Gráinne, subito caduta sotto il potere del magico fascino di Diarmaid, lo avvicinò non vista e gli parlò dolcemente, tentando di convincerlo a fuggire con lei. Il giovane però oppose resistenza a quella proposta, non volendo guastare i propri rapporti con Finn, e allora la donna gl’impose il geis (5) di condurla via con sé, così c’egli non poté più rifiutarsi e fuggì con lei in un bosco.
L’indomani, non ci volle molto perché Finn capisse cos’era accaduto e si lanciasse all’inseguimento dei due fuggitivi, ma essi, aiutati da Óengus e protetti dalla maestria guerresca di Diarmaid, riuscirono a sfuggire a lungo, continuando a spostarsi nelle selve, cibandosi di bacche e selvaggina e facendo delle grotte e delle capanne abbandonate i propri rifugi (6). Così, a poco a poco, Diarmaid s’innamorò a sua volta della radiosa Gráinne.
I due dovettero affrontare parecchie avventure, fra le quali la conquista delle bacche di un sorbo magico custodito da un tremendo gigante. Quell’albero proveniva dal mondo dei Thuata Dè Danann e i suoi frutti erano in grado di curare ogni malattia, di inebriare e di ringiovanire chi se ne fosse nutrito.
Alla fine però, grazie all’intercessione di alcuni dei Fianna e di Óengus, si riuscì a venire ad un accordo e Finn rinunciò a vendicarsi, permettendo ai due amanti di vivere in pace e in tranquillità nelle terre di Diarmaid, nel forte chiamato Ráth Gráinne “Forte del Sole”.
Passarono gli anni e i due innamorati generarono cinque figli, e furono felici. Finché una notte non vennero svegliati dall’abbaiare di un cane da caccia. Diarmaid voleva andare a vedere di cosa si trattasse ma Gráinne, presagendo qualche funesto avvenimento, lo trattenne e lo fece nuovamente sdraiare sul letto dove tante delizie avevano vissuto in quegli anni. La cosa si ripeté per tre volte nello stesso modo, e quando ormai l’alba si affacciava sul finire della notte, la donna non poté più trattenere il suo amante, che dopo essersi armato, ma senza prendere con sé le armi donategli dal Mac Óc, come Gráinne gli aveva consigliato, si avventurò nella campagna per scoprire chi guidasse la caccia e cosa rincorressero i cani.
Salito in cima ad una collina trovò Finn ad attenderlo, mentre il latrato degli animali che inseguivano la preda si faceva sempre più vicino. Chiese al capo dei Fianna il motivo per cui si trovasse lì, ed egli gli rivelò che lui e i suoi uomini stavano dando la caccia al Cinghiale del bosco di Benn Gulban, che era stato un fanciullo di nome Rot, compagno di Diarmaid presso il Brug na Bóinne. Il padre di Diarmaid l’aveva ucciso per sbaglio, e così il padre di Rot l’aveva trasformato in verro, decretando che la sua vita sarebbe stata lunga quanto quella di Diarmaid, e che egli sarebbe morto per causa sua.
Mentre Finn così gli parlava, il Cinghiale giunse correndo nel luogo dove si trovavano i due uomini e subito si avventò contro Diarmaid, il quale lo affrontò valorosamente, pur essendo consapevole di non poter evitare la morte. Fu un’aspra e violentissima lotta, ma infine il favorito di Óengus fece un passo falso che lo portò a cadere proprio dinnanzi alle lunghe zanne del Verro di Benn Gulban, che lacerò la sua candida pelle e lo sventrò, cadendo poi a sua volta, trafitto a morte da Diarmaid nel suo ultimo spasimo di vita.
Così l’amatissimo compagno di Gráinne, abbandonò il mondo dei mortali a causa della vendetta architettata da Finn. Ma Óengus, quanto seppe dell’accaduto, accorse sulle ali del vento con la sua gente a reclamare il corpo straziato del suo pupillo, che venne caricato su una lettiga d’oro, circondato dai fiori immortali della Terra Fatata e trasportato nel regno sotto al Brug na Bóinne. Lì il Mac Óc, pur non potendo farlo tornare in vita, operò su di lui in maniera tale che potesse parlargli ogni giorno.
Enorme fu il dolore della sposa quando Finn si recò a Ráth Gráinne e le riferì che il suo bel Diarmaid era perito. Una versione della leggenda dice che ella ne morì, mentre un’altra narra di come a quel punto il capo dei Fianna riuscì a conquistare il suo cuore e a farne finalmente sua moglie.
Tuttavia il folklore irlandese conserva un finale ben diverso, secondo cui Gráinne divenne una delle Regine dei síde, e forse riuscì a ricongiungersi al suo amatissimo compagno, anch’esso ormai parte della gente di Óengus.

Pagina: 1/2

Prossima pagina (2/2) Prossima pagina
Óengus Mac Óc | Login/crea un profilo | 5 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.
Re: Óengus Mac Óc (Punti: 1)
da Violet 27 Gen 2010 - 01:07
(Info utente | Invia il messaggio) http://www.tempiodellaninfa.net)
Cara fanciulla d'amore... dire che questo tuo dono d'amore è splendido è dire poco... posso forse dirti che mi ha dato gioia e che mi ha aiutata in un momento molto duro e nero... perchè leggendolo ho risentito una lucina che si accendeva in me e che mi diceva "ci sono ancora"... e se uno scritto può fare questo vuol dire che è uno scritto vivo, magico e luminoso, com'è il tuo.
Grazie davvero... immensamente... :-*

Re: Óengus Mac Óc (Punti: 1)
da fabiola (favola61@libero.it) 27 Gen 2010 - 10:18
(Info utente | Invia il messaggio) http://.....)
Incanto e meraviglia. ... E un grazie...

Re: Óengus Mac Óc (Punti: 1)
da Alessandro 28 Gen 2010 - 01:29
(Info utente | Invia il messaggio) http://creviceweeds.over-blog.net)
Credo che il tuo tentativo sia riuscito, Elke… Amore pervade con la sua luce fatata il racconto, e come sempre sono incantato dalla grazia e dal fervore con cui lo evochi, dalla dolcezza indomita con cui inviti ad abbandonarsi ad esso… È molto bello il modo in cui a tanti temi e significati fiabeschi s’intreccia la tua voce, facendo sentire possibile Amore nonostante l’ostilità del Mondo Vuoto e le ombre che sempre lo minacciano… Grazie… *.*

Re: Óengus Mac Óc (Punti: 1)
da LaZiaArtemisia 31 Gen 2010 - 16:19
(Info utente | Invia il messaggio) http://laziaartemisia.blogspot.com/)
Che racconto bellissimo, cara Elkina, ma soprattutto, che pensiero luminoso sull Amore, creatura incantata.. Un pensiero che mi lascia personalmente l'amaro in bocca, perchè fa comprendere le proprie umane bassezze nel concetto di Amore. Ti mando un bacio..

Re: Óengus Mac Óc (Punti: 1)
da Danae 03 Feb 2010 - 22:08
(Info utente | Invia il messaggio)
Il mito è rielaborato in modo splendido Elkina.. hai saputo cogliere il frutto più maturo :)) ..tutta la descrizione dell'Amore merita un riconosciuta approvazione e aperta meraviglia col silenzio del cuore..
Un grazie sentito..



© Il Tempio della Ninfa 2006/2021
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autrice e senza citarne la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.

Questo sito è stato creato con MaxDev e utilizza MD-Pro 1.0.76
Il sito web e il tema grafico sono stati creati da Laura Violet Rimola. Le immagini appartengono ad Alan Lee.

Powered by MD-Pro